«I più grandi nemici della mafia sono la cultura e la conoscenza. Il suo miglior amico èl’ignoranza. Proprio quella che vediamo diffondersi anche nel nostro paese come unanuova ideologia e per combatterla anche il cinema può fare la sua parte; l’immagine è l’intuizione più democratica dell’uomo, è per tutti». Ettore Scola

«Le mafie a volte temono molto di più un buon film, di una solo annunciata normativa repressiva. Lo straordinario merito del linguaggio del cinema è quello di impregnare lanostra cultura tanto di denuncia quanto di educazione all’impegno civile». Luigi Ciotti

Con a fianco Luigi Ciotti e nel cuore le parole di Ettore Scola, prosegue nel 2018l’impegno di Libero Cinema in Libera Terra, la carovana di cinema itinerante contro le mafie che ogni estate viaggia per la penisola con un furgone attrezzato con le tecnologie digitali. Attrezzature che consentono in poco tempo di allestire spazi cinematografici temporanei all’aperto, scegliendo luoghi simbolici dove montare schermo e proiettore per portare le emozioni del cinema direttamente alle persone e promuovere l’allargamento degli spazi democratici e la cultura della legalità.Il cine-furgone, interamente decorato con la grafica del Festival, è già di per sé un evento mentre viaggia per le strade del paese e uno straordinario strumento di comunicazione. Ospita la tecnologia e la troupe del Festival, percorre ogni anno più di 8.000 km portando il suo messaggio nelle piazze, nei parchi, nelle periferie, nelle terre confiscate ai mafiosi e restituite alla legalità. Viaggio in Italia di Libero Cinema: dal 17 luglio al 5 agosto la carovana viaggerà per le strade del Paese facendo tappa in Lombardia, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Campania, Puglia, Calabria Sicilia.

Il 18 luglio il Festival farà tappa a Galbiate presso il Centro Le Querce di Mamre di Via dei Caduti di Via Fani, 12. Alle ore 20 sarà possibile effettuare il percorso Me.Mo – Memorie in Movimento, il percorso multimediale che racconta la storia del bene confiscato di Galbiate, oggi sede del Centro Diurno per Anziani Le Querce di Mamre. (Prenotazioni per la visita: 0341.241280, anziani@larcobaleno.coop). Alle ore 21.00 è programmata la proiezione gratuita del film Oltremare di Loredana Bianconi, uno splendido racconto dalle colonie fasciste in Africa.

Ogni tappa del Festival è organizzata in stretta collaborazione con le realtà del territorio: associazioni, presidii, cooperative, istituzioni, cittadini responsabili per coinvolgere il maggior numero di cosmocivici,nuovi cittadini del mondo globalizzato convinti che la democrazia si sperimenti nelpubblico confronto, nel bilanciamento delicato fra libertà e regole comuni. Proiezioni, performance, laboratori, incontri sono le varie attività del Festival di cinema itinerante contro le mafie che propone per ogni serata film di impatto, interesse e riflessione per il pubblico.

Scheda Film – Oltremare, di L. Bianconi. Italia 2017, 85 min.
Nell’Italia fascista degli anni Trenta, molti abitanti di Borgo, costretti dalla povertà o spinti dal senso di avventura, emigrarono nelle colonie africane. Racconto sulle colonie fasciste, “terra promessa”, che avrebbe dovuto rafforzare le conquiste del regime in Africa, un sogno destinato a fallire miseramente. A pagare il prezzo più caro furono gli italiani emigranti che lavorarono per accaparrarsi il proprio “posto al sole” per poi veder crollare le poche certezze. Il film intreccia i drammatici eventi della nostra storia nazionale ai piccoli grandi eventi personali e familiari: l’epopea di queste persone è svelata dalle parole, dalle memorie e delle immagini che la regista rinviene in casa di suo zio, anch’egli partito per l'”oltremare”.